Possono permettersi le nostre aziende di trascurare il rischio di un attacco hacker? Nonostante la gravità degli attacchi informatici nel 2016 solo il 20% delle imprese italiane ha elaborato una strategia di difesa contro questo fenomeno,  definendo ruoli organizzativi, disegnando piani, aggiornando tecnologie. Uno scenario a dir poco preoccupante, un concreto rischio strategico per l’intera organizzazione aziendale,  che potrebbe addirittura minarne l’esistenza in vita, oltre all’immediate perdita finanziaria e di competitività.

A questo punto, quale domanda porsi, per rispondere efficacemente ad un attacco informatico?

  • Come punto di partenza è fondamentale interrogarsi sui punti di debolezza del sistema di difesa, partendo da una imprescindibile analisi, che valuti i rischi potenziali ed il livello di affidabilità del proprio sistema informatico.

Quindi, fare subito quadrato, opportunamente schierando le difese sui quattro caposaldi dell’IT:

  • la rete aziendale, salvaguardandone il perimetro da attacchi hacker tramite una sicura Rete Privata Virtuale (VPN), firewall, antivirus, antispyware e web filtering;

 

  • la connessione internet, difendendola tramite funzionalità di sicurezza configurate direttamente in rete (firewall, VPN IPsec crittografata tra sedi, Web Content Filtering, Antivirus Gateway ed Intrusion Prevention), senza necessità d’installazione di apparato on site;

 

  • i dati aziendali, rendendoli esportabili ed importabili da qualsiasi dispositivo aziendale, archiviandoli frequentemente e proteggendoli dagli hacker nel Cloud, presso Data Center nazionali interamente standardizzati “TIER IV”, il livello più alto di sicurezza odiernamente fruibile;

 

  • la mail aziendale, tutelandola contro lo spam, ed attacchi hacker tramite virus, malware e crypto-ransomware (come l’ultimo, famigerato, “WannaCry”), presenti negli allegati della posta in ingresso.

 

La sicurezza dell’IT aziendale è oramai fondamentale in una situazione in rapido degrado in cui la questione non è più “se”, ma “quando” colpirà il prossimo  attacco hacker.

Potrebbe interessarti anche: