Facciamo un salto in un futuro non tanto lontano.

Siamo nel 2020: secondo le previsioni di IDC, avremo ben 32 miliardi di dispositivi connessi alla Rete e produrremo 44 zettabyte (ZB: settima potenza di 1000) – o trilioni di gigabyte di dati, cioè più di 5.200 gigabyte per ogni essere umano sulla Terra. Vivremo in un universo digitale gigantesco, che la digitalizzazione contribuirà a espandere a ritmi sempre più vertiginosi.

Possiamo scommettere che nel 2020, ma in realtà già adesso, la sfida della maggior parte dei CIO e CEO delle aziende sarà sempre di più riuscire a navigare in questa mole di dati, analizzarli e trarne qualcosa di utile per il business.

Conoscere e saper interpretare i Big Data rappresenta quindi una leva competitiva essenziale per il presente e il futuro delle aziende.

Oggi i Big Data in Italia rappresentano già un valore di 183 milioni di euro, con tassi di incremento importanti di anno in anno (+44% dal 2015 al 2016 – fonte: Osservatorio del PoliMI su Big Data Analytics & Business Intelligence, novembre 2016).

Nel prossimo futuro il successo della rivoluzione digitale che stiamo vivendo (Digital Transformation) si baserà sempre di più proprio sull’analisi dei flussi di dati sia dentro sia fuori l’azienda e sulla capacità di  monetizzarli.

Abbiamo capito che i Big Data sono le chiavi della competitività, della crescita del business e dell’innovazione.

 

Ma cosa sono i Big Data? Le 5 V

Sono grandi moli di dati caratterizzati da

  1. volume: parliamo di miliardi di gigabyte di dati
  2. velocità: hanno elevata frequenza di produzione e aggiornamento e consentono analisi in tempi molto brevi
  3. varietà/variabilità: sono eterogenei, prodotti in formati diversi e provenienti da miriadi di fonti
  4. veracità o veridicità: permettono di lavorare su dati molto accurati e su concetti labili, come l’umore delle persone sui social network
  5. valore: i dati raccolti hanno un valore quantificabile e monetizzabile

 

Quali sono i vantaggi per le aziende?

Per le aziende il presidio dei Big Data dà importanti vantaggi:

  • verso l’interno, perché semplifica i processi e aumenta l’efficienza
  • verso il mercato, perché permette di conoscere le esigenze dei clienti in tempo reale, cambia il modo di relazionarsi con loro e favorisce così una migliore focalizzazione delle strategie di marketing, attraverso offerte personalizzate e l’ottimizzazione della digital experience.

Per poter trarre benefici da questa mole di dati, bisogna però saperli presidiare, cioè, in primis raccoglierli, poi soprattutto analizzarli, grazie alle competenze tecniche e umane in grado di farlo, quindi rendere queste informazioni “azionabili”, veri strumenti a supporto delle decisioni manageriali. TIM offre diverse mirate soluzioni a questo riguardo; se vuoi saperne di più, leggi l’articolo dedicato.

Con gli strumenti giusti, gli zettabyte che produrremo nel 2020 non saranno più un problema, ma solo un vantaggio e un’opportunità di business.

Potrebbe interessarti anche:

14/11/2017
STORIE D'IMPRESA

Traguardo salute: la telemedicina