Il Responsabile di un Centro Servizi integrato di un grande Comune toscano lavora ogni giorno tra mille difficoltà burocratiche con il sogno di poter fornire ai cittadini un accesso veramente fluido alla Pubblica Amministrazione. Si rende conto che per il cittadino avere a che fare con la PA significa certe volte intraprendere un’avventura costellata di paradossi e difficoltà: nemmeno Pinocchio aveva faticato così tanto, rimbalzando tra scuola, dottori e gendarmi. Il suo Centro, attraverso una piattaforma IT, fornisce un accesso multicanale ai servizi della Pubblica Amministrazione nei comuni dell’area metropolitana: è già molto, ma siamo ancora lontani dalla perfezione. Il Comune è grande ed ogni cittadino ha una sua identità una sua esigenza di servizio. Possibile che nel secolo digitale non esista una soluzione?
Poi, finalmente, un provvedimento del Governo apre la strada ad un’ Italia più smart e sancisce l’inizio dell’era SPID, un cambio di passo non da poco: una sola username e una password consentiranno di accedere a tutta la PA.
Il direttore del Centro servizi vede una luce in fondo al tunnel, i residenti nel comune toscano, tra i primi in Italia, non saranno più in balia degli eventi come il burattino di legno dal naso lungo. Lo SPID, il Sistema Pubblico per la gestione dell’Identità Digitale, permetterà alla popolazione italiana e alle aziende di gestire ed usufruire con un unico account di tutti i servizi di e-government (anagrafici, sanitari, previdenziali, recupero crediti e tributari). Non solo servizi pubblici: a tendere lo SPID sarà adottato anche nei servizi privati, come i servizi bancari, i servizi di e-commerce, etc. Da dove iniziare? Rivolgendosi ai consueti fornitori che, purtroppo, non si rivelano competenti sul tema. Ma il tempo per mettersi al passo con la novità è poco, l’unica soluzione è affidarsi a TIM che, insieme ad altri due interlocutori, dopo l’accreditamento è l’unico soggetto che potrà assegnare la nuova identità digitale ai cittadini.
Il Comune toscano acquista la soluzione di Identità Digitale di TIM, conforme ai requisiti AGID. È una vera e propria scommessa, la trattativa si chiude nel giro di 10 giorni e si parte subito con la delivery: il tempo a disposizione è meno di un mese. La piattaforma IT del Centro che gestisce servizi informatici, viene integrata con l’architettura del Servizio Pubblico di Identità Digitale tramite gli Identity Provider accreditati ed in conformità con i requisiti AGID. Un solo pin e massima sicurezza. Grazie a questo intervento, è possibile entrare con una sola chiave nei servizi web messi a disposizione dalle Pubbliche Amministrazione: i cittadini possono prenotare visite mediche, iscrivere i bambini a scuola pagare le tasse.
I vantaggi sono importanti: i cittadini possono essere riconosciuti con adeguate garanzie ed in totale sicurezza, è molto più agevole ricevere e fornire i servizi della Pubblica Amministrazione e, infine, vi è un sensibile risparmio di tempo e denaro.
In fondo la soluzione era a portata di mano: bastava collaborare con TIM per riconoscere l’identita di ogni cittadino in modo sicuro, affidabile, semplice.
Il Responsabile del centro servizi è compiaciuto : se anche Pinocchio avesse avuto una sua identità digitale, tutti quei guai non li avrebbe passati.

Potrebbe interessarti anche:

23/03/2017
STORIE D'IMPRESA

Didattica Digitale per il Comune

07/09/2017
NOVITÀ DI TIM IS

Shopping digital a Milano