Con l’Industry 4.0 il digitale non è più qualcosa di immateriale: sta cambiando la manifattura alle fondamenta. Rende i processi produttivi on demand, più efficienti, sempre connessi. E darà vita a una nuova generazione di smart product. Vi forniamo un assaggio su alcuni dei temi più affascinanti del momento:

  • Il business model dell’Industry 4.0 si rinnova e cambia il suo approccio strategico grazie a una rinnovata fiducia verso le nuove tecnologie (Industrial Internet of Things, Big Data, ecc.), una condivisione delle best practice tra dipendenti e un rinnovamento del top management.
  • Il lavoro digitale modifica l’impatto occupazionale, i rapporti con le imprese, la flessibilità del lavoro in Azienda e crea nuove mansioni. Grazie allo Smart Working il mondo del lavoro sta cambiando, diventando molto più flessibile in termini di orari e luoghi di lavoro.
  • L’ Industry 4.0 e lo Smart Working rimettono al centro le persone nel luogo di lavoro, aprendo nuovi dibattiti anche con i sindacati. Infatti, il lavoro agile consente di riorganizzare il lavoro sulla base delle esigenze dei lavoratori e le necessità dell’Azienda. Facendo in modo che vita privata e vita professionale non siano tra loro incompatibili.
  • La quarta rivoluzione industriale potrebbe essere un buon mezzo per superare la crisi. Oltre il 24% delle Aziende prevede di evolversi verso l’Industry 4.0 nei prossimi 5 anni, per riguadagnare competitività.
  • Nel settore manifatturiero, la nuova rivoluzione potrebbe portare a una riduzione dei costi di fabbricazione, della logistica e dei costi indiretti, grazie ad un aumento della competitività tra le Aziende.
  • L’Industry 4.0 è stato uno degli argomenti principali del World Economic Forum del 2016. Le nuove tecnologie comporteranno perdite di lavoro su alcuni settori, ma parallelamente permetteranno la nascita di numerose e nuove opportunità.

Se vuoi scoprire maggiori dettagli sull’argomento, controlla tutti i contenuti sullo Smart Working, Smart Cities e Cloud Transformation.